.
Annunci online

Nightfreeqnc
libere frequenze notturne


Diario


14 dicembre 2004

A Volte... (in movimento!)

A volte c'è il mare... A volte un monte innebbiato: alto imperioso abbracciato alle nuvole; riscaldato da boschi rotondi e fitti come pensieri sullo stomaco... A volte niente, silenzio e vuoto!
Allora metto su musica, cerco parole d'effetto, sensazioni per sporcare la mia "moleskine", per muovere verso di me sguardi lontani, mani tanto desiderate e altrettanto sconosciute...
A volte il mare si ingrossa, danza, parla e spruzza, commenta una solare e placida domenica estiva, sottolinea e organizza nel suo pentagramma grida di bambini fra le onde, carretti di ambulanti, "coccobbelo" e donne bellissime.
A volte il cielo scopre le vette innevate, da una mano di verde sul bosco addormentato nei suoi pensieri sconosciuti.
A volte la musica, lo sforzo del pensatore, la penna che corre ed insegue, il sincero e intimo impegno di manifestare l'anima più bella, pulita, artistica e misteriosa non risolve il buio...
Il mare è troppo grosso, profondo inspiegabile imprevedibile, pur ripetendosi nel suo dondolio da millenni!
Il monte è vetta irraggiungibile e mille sentieri diversi per provarci e mille sogni e incontri e colori che sembran statici, fermi lì da sempre eppur mai visti e ogni volta improvvisi.
E alzo il volume di Zio Dex, rilascio la mano molle sul blocchetto, che tira una linea diagonale e stortignaccola sulla pagina intonsa; chiudo gli occhi e sto in silenzio dentro e fuori: la mano mi sfiorerà, il mare lascerà che scavalchi ancora una volta le sue onde, il monte mi lascerà avvicinare un po' di più... ma non oggi, non sempre...
Se Ti guardo ti desidero, anche se non ci sei! E muovo verso di te, sempre...
Se mi tuffo nuoto e respiro il sale e rimbalzo tra i flutti verso la secca, anche quando faccio il morto a galla... 
Se cammino è per arrivare, anche se le gambe indolensiscono la vista!
Il gioco disegna regole che non hanno tempi, non hanno scadenze;
costruisce il piacere della costruzione, che sovrasta il costruito!
Il percorso masticato e sudato, calpesta distratto il cartello "arrivo"
...E sorride!
La mano mi sfiorerà e sarà nuova sfida rinnovarne il desiderio.
L'onda mi lascerà passare e la gloria del parziale non offuschi la vista della prossima più alta, più forte, più bella.
L'aria si allegerirà, il suo peso diminuirà in prossimità della cima, ma discendere segnerà un nuovo sentiero.
Il moto continuo non è realizzabile con macchine: esiste solo dentro la nostra capacità di essere in movimento; anche su una poltrona, davanti ad un televisore spento, quando tra il silenzio, l'immobolismo di una sera in provincia, o una centrifugante fuga dal traffico metropolitano, nonostante tutto, continuiamo a cercare, a pensare, a ricordare che...
A volte c'è il mare... A volte un monte innebbiato, alto imperioso abbracciato alle nuvole, riscaldato da boschi rotondi e fitti come pensieri sullo stomaco... A volte niente...
Nighty




permalink | inviato da il 14/12/2004 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Film!
Teatro
Corso Animatori
La mia Città
A.genzia V.iaggi M.usicali
Racconti Sconnessi
Senza Filtro
Le Città di Nighty
Coma so' Ffatte?
Frattaglie poetiche
Commedie autografe
Racconti e Frammenti
Riflessi Sabbiati
Disertori
Discoteca LibereFrequenzeNotturne
recensioni

VAI A VEDERE

Nighty su MySpace
Valtur


Google

Note Biografiche dell'essere vivente in questione...

Nighty
 nasce… come tutti!
E sarà proprio questo che gli regalerà quell’eterna espressione di stupore nel non persuadersi che un essere come lui potesse venire al mondo come gli altri esseri umani!
Passerà la prima parte della sua vita nell’abile arte di mimetizzarsi tra gli abitanti del globo terracqueo, annaspando volontariamente tra la mediocrità di studi tecnici e gli approcci poco convincenti con l’università.
Successivamente, con una spiazzante mossa del tutto uguale a quella dei migliori esemplari di homo sapiens (una raccomandazione parentale), conquista un posto in fabbrica come operaio generico.
Non contento della mimetica e insulsa vita fin lì costruitasi, identifica in un altro mestiere l’apoteosi dell’idiozia e contemporaneamente il suo posto perfetto per ingannare qualunque dubbio sulla sua provenienza o presunta intelligenzaL’Animatore Turistico!

Purtroppo l’istinto primordiale di scarabocchiare e far domande su qualunque cosa riempia della sua massa l’atmosfera di questo sconosciuto pianeta, e formulare di tanto in tanto pensieri di senso compiuto su fogli di cellulosa, ancora oggi minano la sua faticata tranquillità.
Si è recentemente prodotto in un libro di racconti e frammenti poetici (Racconti e Frammenti, Montedit 2005), scrive saltuariamente su un Blog (www.nightfreeqnc.ilcannocchiale.it) e continua a far domande e ad impiastrare albe primordiali e intensi tramonti con la sua pedissequa espressione di stupore.
Voci veritiere e confermate dai fatti che lo danno vincitore di un premio letterario col suo primo romanzo “Noiæ (jamme po’ iì!)”(poi trasformato in "Noi (...ae!)" per l'imminente edizione Serarcangeli), acuiscono l’incombenza che prima o poi venga riconosciuto, isolato e reso innocuo per la società.
Nell’attesa del lieto evento le ultime notizie pervenute lo danno eremita in un luogo ameno alle pendici di un monte del “Golfo del Lazio” alle prese col suo secondo romanzo.
Nel frattempo subisce gli effetti delle fobie da letto singolo e degli sbalzi di umore propri della sua natura.

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.
.



CERCA