.
Annunci online

Nightfreeqnc
libere frequenze notturne


Diario


2 novembre 2009

Simona Molinari's debut Album (first very personal impression)

Eh si!
La Ragazza canta e scrive le canzoni che canta e non lo immaginavo.
Eh si!
La ragazza è giovane e bella e siamo così abituati oramai che anche le brutte e anziane (non faccio nomi, ora!) sono incapaci di fare musica e arte in Italia, che... mi sorprende!
Eh si!
Il sound dell'album è acustico e profondo, anche se non intendo con questo essere scevro da elettrificazioni, acustico nel senso di suoni materiali e corposi, con una ricerca della solidità degli stessi, con tromba Bossiana e Sax DiBattistiano in evidenza e qualche vecchio amico qua e là che drumma corposo o Contrabbassa volitivo!!!
Eh si!
La ragazza rischia note e parole, suoni e anche la sfida con le migliori cantanti italiane: brava!!! Subito, senza aspettare che non si parla di costruzioni di ponti o di un piano urbanistico avveniristico per il rilancio di Napoli... di aerei supersonici con il susseguente strascico di respèonsabilità pubbliche e legali e...
E' un disco di musica Pop-Jazz -e lo sottolineo!!!- e subito, anche da prima di registrarne uno, la Ragazza sembra aver accettato la sfida con la troppo nominata Mina (e non parlo di lei ora), la troppo elitaria Alice, la troppo abusata Giorgia, la troppo brava Mannoia, la troppo rock controvoglia Consoli, la troppo sottovalutata Laquidara, le troppo sopravvalutate Oxa, Nannini, Grandi etc...
La sua voce è leggera, alta di registro, pulita, ma morbida, mai tagliente e forzata, forse potrebbe sporcare un po' se ne avesse voglia, oppure vibrare un po', ma che bello sentire una voce dritta senza quei ghirigori vibrati esagerati e sognare invece un soprano sax di Dexter Gordon o di John-A Man Supreme-Coltrane...
Tutto bene, perché non c'è motivo di criticare un lavoro divertito e divertente, una musica orecchiabile e bella che non ha bisogno di essere paragonata a nessuno, di commentare inutilmente la purezza di una passione vera per la musica che canta e scrive e interpreta la ...Ragazza!

Probabilmente in futuro ricercherei un maggior impasto con la sezione ritmica e il basso in particolare, un modo per rendere meno evidente il distacco tra l'altezza della voce e il groove!
Ma per tranquillità relativa è il peggior difetto di tutte le voci femminili italiche e delle loro produzioni quello di voler sovrastare la musica con la voce invece di annettersi ad essa e vivere insieme il brano...
e la conseguente eliminazione da una qualunque esportabilità del prodotto!!!

Quindi solo un grande BRAVA, un abbraccio sconosciuto e caldo e una spinta al futuro a questa Campano-ABBRUZZESE...

Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Simona Molinari musica sanremo abruzzo

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 2/11/2009 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 aprile 2009

…Avezzane mi’…

 …Avezzane mi’… che ppe’ ricordatte bisogna ìi lontane e ‘mpastasse ‘nnamese aje vere traffiche mitropolitane…
Quanne vòte aje ditte che mme facive schife; che m’annoiavæ, che nen ce steva gnende da fa’ ècche!Quanne vòte m’hanne chieste: "…Ma ad Avezzano che c’è di bello?"
E ì’: "Gnende! Che cce po’ sta? Je cendre storiche è ‘ne castejje mézze rutte e ‘na colonna della vecchia cattedrale! Je tarramute ha spallate tutt’cose!"
Avezzane mi’, i’ ieri stéve a Peruggia!
La conusci Peruggia?
Mbe’, te po’ lassa’ ‘a ‘occa aperta: tutti quiji palazzi andiche, i mattungini, le strade strette, i coluri e la storia che cresce pe’ quelle vie da sembre!
I vajùli so’ bejji.
L’aria è bella.
Me pare ‘ne quadre.
Po’ aje penzate: ma è tutt’èsse’?
Bellezza, andichità e mattungini?
Che cce sta a Peruggia… o a Viterbo che me fa vetè più bejje de te ‘sse città?
Aje penzate… e repenzate… e nen aje capite gnende!
Intante corre, me stanche pe’ calà ddu’ etti de panza, pe’ guardà rìtte nej’occhi le vajòle e… nen ce stenghe a capì gnende.
Le fronne de Piazza Turlonia stanne sèmpe ècche: so’ de quattre stagioni!
Chi sse ne frega se è ‘nnimmerne o ‘state o autunne: le fronne de Piazza Turlonia pittano de gialle, verde e marrone i marciapeti pe’ ddudice mese!
Je Castéjie èsse sotto me fa’ veni’ vòjia de arrivacce de corsa, e allunghe je passe!
Ce giro ‘ndorne, po’ pije ‘na via pe’ ìi verse San Bartolomme’: ce stanne i recinde arangioni, ché stanne a scava’.
Ce stanno quelle ddu’ prète che m’hanne fatto chiede a mamma, tanto tembe fa: "che cce steva èsse?" E essa me raccunteva della famijia se’… de je lache… e je tarramute!
Me recorde nonneme, e quanne je sse ‘nnumidivene ji occhie e me parleva accuscì:

"Je tarramute tòna e rendòna!

Je tarramute pare ch’ atà piòve’ je ciele.

Te fa ggirà la còccia

pe’ ì cerchenne comme cupritte.

Te fa tremà le còsse.

E po’…

Nen piove acqua…

Nen fa’ furmini…

Ma neveca porvere e fa rumore!

‘Ne rumore che t’acceca i penzieri.

Te recopre de silenzie…

Pure se vvo’ strilla’.

Pure se ssi’ angora vìve

t’ammazza dendre.

È la giestizia della terra!

Essa se’ ribella quanne te’ raggione:

vordi’ che séme fatte caccosa de sbajiate…

quanne strilla accuscì forte!…"

Resalghe pe’ je commune!
‘Nnammese aje sutore, me lécche ddu’ lacrime.
Mo’ vojie ìi ‘m biazza!
Vojie vete’ chi ce sta, e po’ revaje a casa.
Eccheme qua: je sòle ha ‘nvojiate ne poco de ziuni e mamme che i vajulitti a esci’ e refiata’ ‘st’aria fresca e pulita.
De quiji che conosco ì, a quest’ora nen se ne vede manche une! Stanne tutti a ddurmi’, che hanno fatte tarde ieri sera.
Po’ pènze che proprio quiji comme mmì dovrìane reda’ ‘na spenta a ‘ssa città; proprie quiji che a venticinque anni so’ capace de di’: "…Oooh! Mo’ che sso’ ffatte tutte, me trove ‘ne laore, me fidanze e stengh’a pposht’!…"
Steng’ ‘ne poche in silenzie… ‘ncupite!
Cioè: non è che steva a parla’ a arda voce prima, ma mo’ azzittisco pure i penzieri… pe’ ddu’ minuti!
… …
…Annuso, guardo e vivo il momento, semplicemente, senza obbligarmi a dargli un significato particolare, senza appesantire ogni immagine di chissà quale obiettivo…
Semplicemente attraverso la piazza e torno verso casa…
… …
…Forse è le vere: ce portéme dendre la paura che tutto po’ refini’, n’atra ‘òta!
Che nen vale la pena laora’ pe’ ‘na terra che ce vo’ male!
Forse è che nen ce recordéme comme era bella ‘ssa città: che era ‘ne paesitte in bianghe e nire… comme tutta la Marzica.
Forse è vere quelle che penseva Nino: la voce de’ quìji pochi remasti era troppo tébbele pe’ fasse sendi’ ai gnòvi abbitanti.
Forse è che sso’ venuti troppi mallandruni a rubbacce la terra e a ‘ngannacce, quanne eravame tébbeli e feriti.
Forse so’ vere tutte quanne ‘sse cose.
Oppure potéme fa’ finta de gnente.
Potéme cancellà tutte, co’ ‘nne seconde… occhiènnece ‘m faccia… come quanne ce saluteme pe’ lla via.
Arza’ la còccia da terra, strilla’ forte nelle ‘recchie de chi ce passa ‘nnanze:
"Oh! ‘Dde ‘ddo séme nu’?…"
E ppo’ vede’ quij’atre che ride de còre e ce responne:
"…Nu’ séme d’Avezzane… Avezzane mi’!"

…Avezzane mi’… che ppe’ ricordatte abbisogna ì lontane e ‘mpastasse ‘nnammese aje vere traffiche mitropolitane…
Quanne vòte aje ditte che mme facive schife, che m’annoievæ, che nen ce steva gnende da fa’ ècche!
Ma mo’…
Se cacchidune me chiede:
"…Ma ad Avezzano cosa c’è di bello?"
I me mettesse a ride, po’ je guardésse ‘nfaccia e, ne poche scherzènne… ma ‘ne poche che je core ‘n mane, ce ficesse:
"…Avezzane? C’atà venì!…
Atà vedè le fronne de Piazza Turlonia… atà respirà l’aria fresca doppe ‘na piovta.
Atà conosce la ggente che t’aocchia ‘n faccia…
Atà capì che cce sta sotte le prète deje terramute e ‘nammese alla terra dejie Fucine…
E quanne vite ‘na via rotta… o ‘na cosa lassata a metà, arrecchia, sentirai ‘na ‘oce che dice:
"Èsse s’atà vetè che s’atà fa’, Avezzane séme nu!…"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. terremoto L'Aquila Abruzzo dialetto

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 10/4/2009 alle 9:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


9 aprile 2009

Je Tarramute

 

"Je tarramute tòna e rendòna!

Je tarramute pare ch’ atà piòve’ je ciele.

Te fa ggirà la còccia

pe’ ì cerchenne comme cupritte.

Te fa tremà le còsse.

E po’…

Nen piove acqua…

Nen fa’ furmini…

Ma neveca porvere e fa rumore!

‘Ne rumore che t’acceca i penzieri.

Te recopre de silenzie…

Pure se vvo’ strilla’.

Pure se ssi’ angora vìve

t’ammazza dendre.

È la giestizia della terra!

Essa se’ ribella quanne te’ raggione:

vordi’ che séme fatte caccosa de sbajiate…

quanne strilla accuscì forte!…"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. terremoto L'Aquila Abruzzo dialetto

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 9/4/2009 alle 9:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 maggio 2008

Diventa Abruzzese anche tu!

Da una autoironica, sarcastica mail di un mio sagace conterraneo.
La posto e magari ce facéme ne' pare de' risate!

L' ABRUZZO PER TUTTI
(
SCOPRI ANGHE TU L'ABRUZZO, QUESCHTO SIMBATICO SCONOSCIUTO)
Guida a cura dell'illuschtrissimo Prof. Andonio Di Giuschtino: etilista, maeschtro delle mazzate e tattico del Tressette

1 BREVE INTRODUZIONE E CENNI GENERALI

L' Abruzzo è una regione compresa all'interno dei confini dell'Abruzzo.
È bagnata ad Est dal mare Adriatico e al suo interno dal Montepulciano d'Abruzzo. L'Abruzzo è sito nel centro Italia, centro-nord o centro sud, a seconda di come gli fa più comodo. Gli abitanti vengono chiamati: Abruzzesi, Aprutini o Cafoni (dipende da chi li chiama).
Le attività principali sono: Industria, agricoltura, pesca, pastorizia, ricerca di finanziamenti europei, agriturismo, Project Financing, sagre ed eventuali.
L'attuale amministrazione regionale è di centrosinistra, o almeno così si dice in giro.
Il clima è variabile da zona a zona, di giorno in giorno, nel corso dell'intero anno solare.
La principale fonte di alimentazione è il porco, con immensa gioia degli abruzzesi, un po' meno del porco. Segue la pecora(e je fijjie), sul podio il pesce, struzzo non pervenuto, la lepre (lu lebbr (1)) insegue.
L'unità monetaria in corso è 'Li sold' altrimenti detti 'Euri', che oltre al potere d'acquisto conferiscono anche prestigio e notorietà. Inoltre sostituiscono all'occorrenza tutte le altre unità di misura di uso comune. Se ostentati possono generare Mmìtia (l'invidia).
Gli sport principali praticati dagli abruzzesi sono: lu pallò (il calcio), lu bàsk (la pallacanestro), la pallavvò (la pallavolo), lu bàgn (il nuoto), la fèscht (la sagra) e la tàzz (l'etilismo). Alcune minoranze pedemontane praticano jù regbi (il rugby).
La Religione è Cattolica, ma viene messa a dura prova: nei bar, nei campi di calcio e soprattutto nelle banche. Le banche sono onnipresenti nel territorio abruzzese, forse aiutate da un particolare microclima appenninico, esse fioriscono nelle città (in particolare nei centri storici) in maniera spontanea sostituendosi ad altre attività. (ATTENZIONE, da tenere in seria considerazione: se si visita una città abruzzese evitare di affezionarsi a qualsivoglia attività commerciale e a nessun dipendente in particolare, poiché al vostro ritorno in una successiva visita potreste non trovarlo più.)
Per motivi strettamente legati all'attività bancaria, nei pressi di una banca troverete sempre un Bar aperto.
L' abruzzese 'forte e gentile' è molto orgoglioso dei suoi cibi (consigliati), dei suoi vini (suggeriti), ma soprattutto dei suoi parenti (raccomandati), anche se il vanto supremo per l'abruzzese è rappresentato da Rocco Tano, in arte Rocco Siffredi.
Gli Abruzzesi sono un popolo molto cordiale, aperto, generoso, affabile, finchè non li conosci.

L'abruzzese è permaloso e se legge questa guida magari si incazza e mi mena pure, ma magari si incazzasse davvero…sarebbe un buon inizio.

2 CAPOLUOGO E PROVINGE
Le provinge sono quattro: L'Aquila, Pescara, Chieti e Teramo.
Dinamiche di provingia
L'Aquila Non ce l'ha con nessuno, si fa i fatti suoi perché tanto è il capoluogo: ci fa freddo, è piena di salite senza neanche una discesa e tutti giocano a rugby, anche vecchi e bambini. (Se durante una passeggiata vi sentite placcare da un'anziana, tranquilli, si usa)
L'amministrazione comunale è di centro…boh…vabbè tanto è uguale.
Il capoluogo se ne stà nascosto dietro al Gran Sasso e non da fastidio a nessuno, neanche quando vogliono bucare la montagna (anzi le piace, è guardona). Da che ho memoria è sempre stata lì, ferma.
Vanta: La fontana delle 99 cannelle; La fontana luminosa (costruita per fare cifra tonda); Collemaggio; La Perdonanza; Il Terremoto della Marsica dimenticato da tutti, un Mammuth morto e un Mario Magnotta vivo.

Pescara ce l'ha con L'Aquila, vuole essere il capoluogo in quanto lei ha i soldi, però con i soldi ancora non si è riuscita a comprare una delle poche cose che ancora gli mancano: la Storia (comunque si stanno attrezzando, forse se la fanno prestare da Chieti).
Per gli abruzzesi Pescara è una città costruita all'interno dell'Abruzzo, per i pescaresi l'Abruzzo è una regione costruita intorno a Pescara.
Vanta: Un sacco di soldi; un sacco di alberghi; un sacco di negozi; un porto canale; un Mare Adriatico; troppi politici; un asse attrezzato e il comico 'Nduccio.

Chieti ce l'ha con Pescara, perché vorrebbe essere Pescara e invece è Chieti. Chieti comunque è come Pescara, con meno soldi e senza mare.
Pescara sta a Chieti come Milano sta a Milano 2. In ogni caso nel "chietino si mangia, si beve e si fa casino".
Vanta: Un po' meno soldi di Pescara; meno alberghi di Pescara; meno negozi di Pescara; un porto in meno di Pescara; un mare in meno di Pescara; qualche politico in meno di Pescara; un asse attrezzato come Pescara; uno Scalo in più di Pescara e il comico 'Nduccio, che è patrimonio comune ed è tutelato dal Ministero dei beni culturali. (e non zi tocca!)

Teramo ce l'ha con l'Aquila, con Pescara, con Chieti, con Roma e anche un po' con Teramo, perché non la caga nessuno e soprattutto perché non le lasciano un soldo (esclusa la Val Vibrata che è la Svizzera della provincia di Teramo).

Teramo vorrebbe essere:
A -Una qualunque delle altre province;
B -La Val Vibrata;
C -In provincia di Ascoli;
D -La Svizzera;
E -Un quartiere di Roma;
F -Tutte le cose contemporaneamente, tranne Teramo.
Ha talmente pochi soldi che li deve chiedere all'imprenditore di turno, che spesso è lo stesso imprenditore che fa a turno da solo, mediante il Project Financing che tradotto in italiano vuol dire: 'Vieni quà che ti faccio fare un affare'.
Vanta: la Teramo mare che finisce a Mosciano ( a 8 Km dal mare; l'unica opera che per tempi di realizzazione fa concorrenza alla Salerno Reggio Calabria); un palazzetto da 3000 posti senza l'acustica; la Schtanda (2); un centro commerciale con 'in-contro soffitti' e stadio di fianco (così gli ultras, tra uno scontro e l'altro con la polizia, potranno fare anche la spesa); un futuro nuovo parcheggio-teatro e soprattutto una frega di matti, per strada e non.
In compenso Teramo a differenza delle altre province possiede le mazzarelle e le virtù(3) e almeno in questo in Abruzzo non la batte nisciù. (4)
(CONDINUA ?)

Note
(1) 'Na vota corre lu lebbr, na vota lu cacciator' Una volta corre la lepre una volta il cacciatore, proverbio abruzzese
(2) Per far posto al supermercato Standa, venne abbattuto nel 1959 il Teatro dell'opera, edificato nel 1868
(3) Piatti tipici della cucina teramana
(4) Nessuno

Ciao AbBruzzesi miei...
Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. turismo culturale Società abruzzo

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 5/5/2008 alle 20:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


18 aprile 2008

Il Cinema: prodotto tipico AbBruzzese!!!

L'Amore Non Basta

Il titolo…

Di solito un film inizia col titolo, ma spesso non ci si fa molto caso, è solo una didascalia, una parentesi, un fotogramma oppure come più spesso in cd musicali, uno dei pezzi dell'album-frasi del film quasi scelte a caso, altre volte ancora è il macrociclo del film concentrato in 3-4 parole.
Solo raramente il titolo racchiude l'inizio della storia, la forza trainante dei personaggi e dei loro conflitti, l'ispirazione costante, e la risposta-domanda finale.

Questa volta è proprio così:
il film inizia
dura due tempi
e
termina lungo il lento scorrere parola per parola, sillaba per sillaba, lettera per lettera, della frase.


Nulla appare, si ode, accade a caso nel film di Stefano.
Le musiche sono pregevoli.
I colori, le luci e le ombre sono profondi come di rado nel cinema italico, sempre un po' piatto.
Le parole, le facce, gli incastri dei personaggi e dei tempi sono efficaci.
Le pause e i silenzi
i momenti sognanti e metaforici possono rallentare, anzi lo fanno senz'altro, lo scorrere del film, ma come detto non insistono a caso nella storia, perché sono propri dei personaggi, della città che li accoglie, dei sentimenti e la storia che vivono…
della loro unicità.
Può quindi risultare noioso nel primo tempo mentre delinea con calma tutti i caratteri e le premesse, ma attenzione…
Grandi trovate comiche e sorprese narrative vengono fuori appoggiandosi proprio agli spigoli di quei minuti apparentemente inutili!

Un film bello!
Leggero ma profondo
ben recitato e diretto
originale
AbBruzzese!
Sentimentale e divertente.

Giovanna Mezzogiorno: bella come non mai, divertente, credibile e dolcissima.
Alessandro Tiberi: alter-ego di Stefano Chiantini, superbo.
Rocco Papaleo: divertente, ironico, trasparente ed insostituibile (e chi vedrà saprà), coautore della sceneggiatura.
Alessandro Haber: il solito aritmico, inafferrabile, caratterizzante, ansimante, prezioso Haber.

Ora distributori cinematografici voglio vede' "Una Piccola Storia", il secondo lungometraggio di Chiantini.
E…
Da AbBruzzese
Grazie Ste' e Spigni Compa'!


Nighty

sfoglia     aprile        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Film!
Teatro
Corso Animatori
La mia Città
A.genzia V.iaggi M.usicali
Racconti Sconnessi
Senza Filtro
Le Città di Nighty
Coma so' Ffatte?
Frattaglie poetiche
Commedie autografe
Racconti e Frammenti
Riflessi Sabbiati
Disertori
Discoteca LibereFrequenzeNotturne
recensioni

VAI A VEDERE

Nighty su MySpace
Valtur


Google

Note Biografiche dell'essere vivente in questione...

Nighty
 nasce… come tutti!
E sarà proprio questo che gli regalerà quell’eterna espressione di stupore nel non persuadersi che un essere come lui potesse venire al mondo come gli altri esseri umani!
Passerà la prima parte della sua vita nell’abile arte di mimetizzarsi tra gli abitanti del globo terracqueo, annaspando volontariamente tra la mediocrità di studi tecnici e gli approcci poco convincenti con l’università.
Successivamente, con una spiazzante mossa del tutto uguale a quella dei migliori esemplari di homo sapiens (una raccomandazione parentale), conquista un posto in fabbrica come operaio generico.
Non contento della mimetica e insulsa vita fin lì costruitasi, identifica in un altro mestiere l’apoteosi dell’idiozia e contemporaneamente il suo posto perfetto per ingannare qualunque dubbio sulla sua provenienza o presunta intelligenzaL’Animatore Turistico!

Purtroppo l’istinto primordiale di scarabocchiare e far domande su qualunque cosa riempia della sua massa l’atmosfera di questo sconosciuto pianeta, e formulare di tanto in tanto pensieri di senso compiuto su fogli di cellulosa, ancora oggi minano la sua faticata tranquillità.
Si è recentemente prodotto in un libro di racconti e frammenti poetici (Racconti e Frammenti, Montedit 2005), scrive saltuariamente su un Blog (www.nightfreeqnc.ilcannocchiale.it) e continua a far domande e ad impiastrare albe primordiali e intensi tramonti con la sua pedissequa espressione di stupore.
Voci veritiere e confermate dai fatti che lo danno vincitore di un premio letterario col suo primo romanzo “Noiæ (jamme po’ iì!)”(poi trasformato in "Noi (...ae!)" per l'imminente edizione Serarcangeli), acuiscono l’incombenza che prima o poi venga riconosciuto, isolato e reso innocuo per la società.
Nell’attesa del lieto evento le ultime notizie pervenute lo danno eremita in un luogo ameno alle pendici di un monte del “Golfo del Lazio” alle prese col suo secondo romanzo.
Nel frattempo subisce gli effetti delle fobie da letto singolo e degli sbalzi di umore propri della sua natura.

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.
.



CERCA