.
Annunci online

Nightfreeqnc
libere frequenze notturne


Diario


10 aprile 2009

…Avezzane mi’…

 …Avezzane mi’… che ppe’ ricordatte bisogna ìi lontane e ‘mpastasse ‘nnamese aje vere traffiche mitropolitane…
Quanne vòte aje ditte che mme facive schife; che m’annoiavæ, che nen ce steva gnende da fa’ ècche!Quanne vòte m’hanne chieste: "…Ma ad Avezzano che c’è di bello?"
E ì’: "Gnende! Che cce po’ sta? Je cendre storiche è ‘ne castejje mézze rutte e ‘na colonna della vecchia cattedrale! Je tarramute ha spallate tutt’cose!"
Avezzane mi’, i’ ieri stéve a Peruggia!
La conusci Peruggia?
Mbe’, te po’ lassa’ ‘a ‘occa aperta: tutti quiji palazzi andiche, i mattungini, le strade strette, i coluri e la storia che cresce pe’ quelle vie da sembre!
I vajùli so’ bejji.
L’aria è bella.
Me pare ‘ne quadre.
Po’ aje penzate: ma è tutt’èsse’?
Bellezza, andichità e mattungini?
Che cce sta a Peruggia… o a Viterbo che me fa vetè più bejje de te ‘sse città?
Aje penzate… e repenzate… e nen aje capite gnende!
Intante corre, me stanche pe’ calà ddu’ etti de panza, pe’ guardà rìtte nej’occhi le vajòle e… nen ce stenghe a capì gnende.
Le fronne de Piazza Turlonia stanne sèmpe ècche: so’ de quattre stagioni!
Chi sse ne frega se è ‘nnimmerne o ‘state o autunne: le fronne de Piazza Turlonia pittano de gialle, verde e marrone i marciapeti pe’ ddudice mese!
Je Castéjie èsse sotto me fa’ veni’ vòjia de arrivacce de corsa, e allunghe je passe!
Ce giro ‘ndorne, po’ pije ‘na via pe’ ìi verse San Bartolomme’: ce stanne i recinde arangioni, ché stanne a scava’.
Ce stanno quelle ddu’ prète che m’hanne fatto chiede a mamma, tanto tembe fa: "che cce steva èsse?" E essa me raccunteva della famijia se’… de je lache… e je tarramute!
Me recorde nonneme, e quanne je sse ‘nnumidivene ji occhie e me parleva accuscì:

"Je tarramute tòna e rendòna!

Je tarramute pare ch’ atà piòve’ je ciele.

Te fa ggirà la còccia

pe’ ì cerchenne comme cupritte.

Te fa tremà le còsse.

E po’…

Nen piove acqua…

Nen fa’ furmini…

Ma neveca porvere e fa rumore!

‘Ne rumore che t’acceca i penzieri.

Te recopre de silenzie…

Pure se vvo’ strilla’.

Pure se ssi’ angora vìve

t’ammazza dendre.

È la giestizia della terra!

Essa se’ ribella quanne te’ raggione:

vordi’ che séme fatte caccosa de sbajiate…

quanne strilla accuscì forte!…"

Resalghe pe’ je commune!
‘Nnammese aje sutore, me lécche ddu’ lacrime.
Mo’ vojie ìi ‘m biazza!
Vojie vete’ chi ce sta, e po’ revaje a casa.
Eccheme qua: je sòle ha ‘nvojiate ne poco de ziuni e mamme che i vajulitti a esci’ e refiata’ ‘st’aria fresca e pulita.
De quiji che conosco ì, a quest’ora nen se ne vede manche une! Stanne tutti a ddurmi’, che hanno fatte tarde ieri sera.
Po’ pènze che proprio quiji comme mmì dovrìane reda’ ‘na spenta a ‘ssa città; proprie quiji che a venticinque anni so’ capace de di’: "…Oooh! Mo’ che sso’ ffatte tutte, me trove ‘ne laore, me fidanze e stengh’a pposht’!…"
Steng’ ‘ne poche in silenzie… ‘ncupite!
Cioè: non è che steva a parla’ a arda voce prima, ma mo’ azzittisco pure i penzieri… pe’ ddu’ minuti!
… …
…Annuso, guardo e vivo il momento, semplicemente, senza obbligarmi a dargli un significato particolare, senza appesantire ogni immagine di chissà quale obiettivo…
Semplicemente attraverso la piazza e torno verso casa…
… …
…Forse è le vere: ce portéme dendre la paura che tutto po’ refini’, n’atra ‘òta!
Che nen vale la pena laora’ pe’ ‘na terra che ce vo’ male!
Forse è che nen ce recordéme comme era bella ‘ssa città: che era ‘ne paesitte in bianghe e nire… comme tutta la Marzica.
Forse è vere quelle che penseva Nino: la voce de’ quìji pochi remasti era troppo tébbele pe’ fasse sendi’ ai gnòvi abbitanti.
Forse è che sso’ venuti troppi mallandruni a rubbacce la terra e a ‘ngannacce, quanne eravame tébbeli e feriti.
Forse so’ vere tutte quanne ‘sse cose.
Oppure potéme fa’ finta de gnente.
Potéme cancellà tutte, co’ ‘nne seconde… occhiènnece ‘m faccia… come quanne ce saluteme pe’ lla via.
Arza’ la còccia da terra, strilla’ forte nelle ‘recchie de chi ce passa ‘nnanze:
"Oh! ‘Dde ‘ddo séme nu’?…"
E ppo’ vede’ quij’atre che ride de còre e ce responne:
"…Nu’ séme d’Avezzane… Avezzane mi’!"

…Avezzane mi’… che ppe’ ricordatte abbisogna ì lontane e ‘mpastasse ‘nnammese aje vere traffiche mitropolitane…
Quanne vòte aje ditte che mme facive schife, che m’annoievæ, che nen ce steva gnende da fa’ ècche!
Ma mo’…
Se cacchidune me chiede:
"…Ma ad Avezzano cosa c’è di bello?"
I me mettesse a ride, po’ je guardésse ‘nfaccia e, ne poche scherzènne… ma ‘ne poche che je core ‘n mane, ce ficesse:
"…Avezzane? C’atà venì!…
Atà vedè le fronne de Piazza Turlonia… atà respirà l’aria fresca doppe ‘na piovta.
Atà conosce la ggente che t’aocchia ‘n faccia…
Atà capì che cce sta sotte le prète deje terramute e ‘nammese alla terra dejie Fucine…
E quanne vite ‘na via rotta… o ‘na cosa lassata a metà, arrecchia, sentirai ‘na ‘oce che dice:
"Èsse s’atà vetè che s’atà fa’, Avezzane séme nu!…"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. terremoto L'Aquila Abruzzo dialetto

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 10/4/2009 alle 9:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


9 aprile 2009

Je Tarramute

 

"Je tarramute tòna e rendòna!

Je tarramute pare ch’ atà piòve’ je ciele.

Te fa ggirà la còccia

pe’ ì cerchenne comme cupritte.

Te fa tremà le còsse.

E po’…

Nen piove acqua…

Nen fa’ furmini…

Ma neveca porvere e fa rumore!

‘Ne rumore che t’acceca i penzieri.

Te recopre de silenzie…

Pure se vvo’ strilla’.

Pure se ssi’ angora vìve

t’ammazza dendre.

È la giestizia della terra!

Essa se’ ribella quanne te’ raggione:

vordi’ che séme fatte caccosa de sbajiate…

quanne strilla accuscì forte!…"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. terremoto L'Aquila Abruzzo dialetto

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 9/4/2009 alle 9:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Film!
Teatro
Corso Animatori
La mia Città
A.genzia V.iaggi M.usicali
Racconti Sconnessi
Senza Filtro
Le Città di Nighty
Coma so' Ffatte?
Frattaglie poetiche
Commedie autografe
Racconti e Frammenti
Riflessi Sabbiati
Disertori
Discoteca LibereFrequenzeNotturne
recensioni

VAI A VEDERE

Nighty su MySpace
Valtur


Google

Note Biografiche dell'essere vivente in questione...

Nighty
 nasce… come tutti!
E sarà proprio questo che gli regalerà quell’eterna espressione di stupore nel non persuadersi che un essere come lui potesse venire al mondo come gli altri esseri umani!
Passerà la prima parte della sua vita nell’abile arte di mimetizzarsi tra gli abitanti del globo terracqueo, annaspando volontariamente tra la mediocrità di studi tecnici e gli approcci poco convincenti con l’università.
Successivamente, con una spiazzante mossa del tutto uguale a quella dei migliori esemplari di homo sapiens (una raccomandazione parentale), conquista un posto in fabbrica come operaio generico.
Non contento della mimetica e insulsa vita fin lì costruitasi, identifica in un altro mestiere l’apoteosi dell’idiozia e contemporaneamente il suo posto perfetto per ingannare qualunque dubbio sulla sua provenienza o presunta intelligenzaL’Animatore Turistico!

Purtroppo l’istinto primordiale di scarabocchiare e far domande su qualunque cosa riempia della sua massa l’atmosfera di questo sconosciuto pianeta, e formulare di tanto in tanto pensieri di senso compiuto su fogli di cellulosa, ancora oggi minano la sua faticata tranquillità.
Si è recentemente prodotto in un libro di racconti e frammenti poetici (Racconti e Frammenti, Montedit 2005), scrive saltuariamente su un Blog (www.nightfreeqnc.ilcannocchiale.it) e continua a far domande e ad impiastrare albe primordiali e intensi tramonti con la sua pedissequa espressione di stupore.
Voci veritiere e confermate dai fatti che lo danno vincitore di un premio letterario col suo primo romanzo “Noiæ (jamme po’ iì!)”(poi trasformato in "Noi (...ae!)" per l'imminente edizione Serarcangeli), acuiscono l’incombenza che prima o poi venga riconosciuto, isolato e reso innocuo per la società.
Nell’attesa del lieto evento le ultime notizie pervenute lo danno eremita in un luogo ameno alle pendici di un monte del “Golfo del Lazio” alle prese col suo secondo romanzo.
Nel frattempo subisce gli effetti delle fobie da letto singolo e degli sbalzi di umore propri della sua natura.

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.
.



CERCA