.
Annunci online

Nightfreeqnc
libere frequenze notturne


Diario


2 novembre 2009

Simona Molinari's debut Album (first very personal impression)

Eh si!
La Ragazza canta e scrive le canzoni che canta e non lo immaginavo.
Eh si!
La ragazza è giovane e bella e siamo così abituati oramai che anche le brutte e anziane (non faccio nomi, ora!) sono incapaci di fare musica e arte in Italia, che... mi sorprende!
Eh si!
Il sound dell'album è acustico e profondo, anche se non intendo con questo essere scevro da elettrificazioni, acustico nel senso di suoni materiali e corposi, con una ricerca della solidità degli stessi, con tromba Bossiana e Sax DiBattistiano in evidenza e qualche vecchio amico qua e là che drumma corposo o Contrabbassa volitivo!!!
Eh si!
La ragazza rischia note e parole, suoni e anche la sfida con le migliori cantanti italiane: brava!!! Subito, senza aspettare che non si parla di costruzioni di ponti o di un piano urbanistico avveniristico per il rilancio di Napoli... di aerei supersonici con il susseguente strascico di respèonsabilità pubbliche e legali e...
E' un disco di musica Pop-Jazz -e lo sottolineo!!!- e subito, anche da prima di registrarne uno, la Ragazza sembra aver accettato la sfida con la troppo nominata Mina (e non parlo di lei ora), la troppo elitaria Alice, la troppo abusata Giorgia, la troppo brava Mannoia, la troppo rock controvoglia Consoli, la troppo sottovalutata Laquidara, le troppo sopravvalutate Oxa, Nannini, Grandi etc...
La sua voce è leggera, alta di registro, pulita, ma morbida, mai tagliente e forzata, forse potrebbe sporcare un po' se ne avesse voglia, oppure vibrare un po', ma che bello sentire una voce dritta senza quei ghirigori vibrati esagerati e sognare invece un soprano sax di Dexter Gordon o di John-A Man Supreme-Coltrane...
Tutto bene, perché non c'è motivo di criticare un lavoro divertito e divertente, una musica orecchiabile e bella che non ha bisogno di essere paragonata a nessuno, di commentare inutilmente la purezza di una passione vera per la musica che canta e scrive e interpreta la ...Ragazza!

Probabilmente in futuro ricercherei un maggior impasto con la sezione ritmica e il basso in particolare, un modo per rendere meno evidente il distacco tra l'altezza della voce e il groove!
Ma per tranquillità relativa è il peggior difetto di tutte le voci femminili italiche e delle loro produzioni quello di voler sovrastare la musica con la voce invece di annettersi ad essa e vivere insieme il brano...
e la conseguente eliminazione da una qualunque esportabilità del prodotto!!!

Quindi solo un grande BRAVA, un abbraccio sconosciuto e caldo e una spinta al futuro a questa Campano-ABBRUZZESE...

Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Simona Molinari musica sanremo abruzzo

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 2/11/2009 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 ottobre 2008

nuovi sogni autunnali


... intanto vi piace la copertina?
Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sogni lettere libri romanzi musica jazz

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 1/10/2008 alle 21:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


25 aprile 2008

Sergio Caputo

 “Disperatamente e in Ritardo Cane”

Sergio e la sua musica, inarrivabile per il suo originale insieme di profondità, complessità eppur semplice ed orecchiabile.
Sergio e il suo Jazz, il suo swing, il suo pop-jazz, e il brit-pop… prima del jazz, lo swing, il pop-jazz e il brit-pop nelle produzioni e nelle classifiche italiane.
Sergio e i suoi testi-mini sceneggiature cinematografiche.
Sergio e i suoi incubi-sogni-esperienze reali, liberati in canzoni memorabili eppur troppo spesso dimenticate dalle antologie, dalla stampa, dalle radio e le televisioni.
Sergio e i tour complicati, odissee di hotel di provincia, orari impossibili e luoghi sconosciuti.
   Sergio e lo Star-system italiano anoressico;
      l’alcool e i suoi casini personali;
         la voce che va e che viene;
            le voci che lo rincorrono;
               il successo che morde e fugge;
                  l’America;
                     la musica… di nuovo;
                        e…
Parole nuove, amici dal web e piccoli tour house-made.

Ora Sergio Caputo è un romanzo, discretamente autobiografico, incredibilmente aneddotico e curioso, fantasioso e ironico.

Scrive di un suo Alter-ego credibilissimo.
Fantastica di storie ed imprevisti che gli ingarbugliano l’esistenza di per sé già sufficientemente intricata e difficile.
Snocciola le sue memorie, i suoi pensieri, le passioni vecchie e nuove e…
Il lettore scoprirà la fluidità di un racconto, che senza mai pesare sulle sue gambe, lo porterà avanti e indietro nella storia del costume e della musica Romana: i suoi locali, le strade, la gente, la vita più o meno recente della città che ha visto germogliare il genio creativo di Sergio dalla pubblicità alla musica d’autore.
Scoprirà come è reale, possibile e piacevolmente libero, il suo trasversale, politicamente ed artisticamente, modo di attraversare e vivere mode, esperienze e passioni: il “trinkangolo”, la notte romana, le donne e gli amici, la famiglia e i figli, i soldi e la stanchezza.
Poi c’è l’eterna lotta con la propria personalità che lo incalza di domande scomode, richieste molto più pesanti di quelle di qualunque pur esigente compagna, curiosa più di qualunque talk-show gossipparo.
Il romanzo ti prende, ti sorprende, corre via con un filo di gas e ti lascia con un imprevedibile imprevisto finale che… ti viene voglia di ricominciare (io l’ho appena ripreso)…
Sicuro che, da qualche parte, tra quelle pagine, il “libro magico” cambi direzione.

Grazie Sergione!
E ora a quando il tuo progetto musicale in italiano che da circa quattro anni giace sospeso?
…E quello in inglese?

Ci vediamo a Luglio dal vivo e sempre nelle nostre orecchie e nei nostri cuori.
Nighty-Salvelox


    Sergio Caputo
“Live at Auditorium Parco della Musica, Sala Petrassi”
    
Rome 07-04-2008


Sergio arriva sul palco.
Boato!(
Sala piena, senza pubblicità e tutti paganti…)
Lui ringrazia sempre ondeggiante tra l’impacciato, il distratto e il felice essere lì.
Inizia con la sua splendida Gibson.
Entrano i compagni di viaggio (stavolta manca Nannetti)…
E…
Un’ora e mazza di musica che fa sognare anche e soprattutto quando inciampa nella labile memoria dei testi, anche quando si distrae nell’intonazione e la voce che migliorano sempre da metà concerto in poi.
Esalta con cavalli di battaglia inevitabili e noti, come quelli imprevisti chiusi per troppo tempo nella memoria più intima di chi li ha sempre amati (“Lontano Che Vai” e “Quando Un Amore Va” su tutti!)
E poi… hai voglia a chiedere “Night” o “Il Pianeta Venere” o…
Dovrebbe suonare 8 ore di fila!
Solo Sergio potrebbe permettersi di suonare i suoi album praticamente al completo senza cadere mai in qualità, intensità, piacevolezza e orecchiabilità.
Saluta forte dopo il bis e svanisce nella notte radioattiva…
Io intanto scoccodrillo 42 Lacoste e aspetto la prossima volta.
Cia’
LibereFrequenzeNotturne



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sergio caputo libri musica jazz

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 25/4/2008 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


5 marzo 2008

Syria

Un’altra Me

“…Nella musica leggera tutto è stato già scritto, le combinazioni melodiche ed armoniche possibili sono di fatto esaurite, quindi è sempre più frequente cadere in riproduzioni, imitazioni di porzioni di melodie o sequenze di accordi editi…”
Cazzate!
Miles Davis più o meno diceva: “Io guadagno ancora poche centinaia di dollari per concerti in piccoli locali, eppure la mia esperienza e il mio studio mi hanno portato a conoscere più di 70.000 accordi diversi. Conosco invece sempre più giovani musicisti che fanno tour milionari per carriere intere con 4 accordi!”
Eqquindi…
Nel pop per troppo tempo è stata spinta, promossa, esaltata come dote, un’ignoranza musicale palese, personaggi copertina statici, senza passato e futuro…
Produttori-compositori-arrangiatori
prezzolati, impersonali, a cottimo, che clonavano armonie, modi e stili tentando pedisseque copie conformi a successi consolidati e considerati format replicabili all’infinito: industria, pura fredda, cieca industria!
Questo ha apparentemente ed ingannevolmente funzionato per una manciata di lustri, perché nel conseguente abbrutimento del pubblico, nell’abbassamento continuo dell’età media dei fruitori di musica di massa, nella progressiva limitatezza degli stili e delle novità proposte e promosse, era facile il proliferare di “madonne-teickdet e gherlspeziate”, molto più facile duplicare, farsi concorrenza con prodotti siffatti, che cercare, sviluppare e produrre innovazioni alla Hendrix, Davis, Marvin Gay, ecc…
Ma tutto ciò ha avuto come solo risultato evidente e ponderabile per l’immediato futuro industriale(tanto per valutarla con gli stessi mezzi del “nemico”), lo svilimento del senso del possesso di un’opera, l’assenza di stupore verso note nuove, l’assenza di ricerca di cose nuove, lo sterile appoggio delle orecchie verso solite poche proposte stilistiche come musica da sottofondo aeroportuale perenne… una costante diminuzione della scelta consapevole e curiosità verso la definizione di una “propria musica” da parte del potenziale “cliente”.
Questo unito alle nuove tecnologie, ai prezzi ingiustificati di molti Cd (in massima parte dovuti all’ammortizzamento di contratti milionari sottoscritti con sopravvalutate e infeconde pop-star, e non per IVA, trasporto, ecc…), hanno stimolato in modo abnorme la pirateria e il download illegale, ucciso la produzione del Pop come stile multiforme che avvicina stili e mood diversi alle orecchie di tutti, e a catena di tutte le musiche e le influenze che da sempre lo alimentano.
Ma…
Questo disco
(come altri, ne sono certo), nella sua “adorabile minutezza”, nella sua “candida curiosità”, nella sua “immediata ricercatezza”, nella sua “insperata qualità ed originalità” compositiva, di arrangiamenti ed interpretazione, testimonia che semplicemente, come nella politica ad esempio, ci sono persone, false filosofie e progetti vetusti che segnano il passo e dovrebbero farsi da parte anche per la loro stessa sopravvivenza…
Lasciare che novità e idee tornino a pilotare le scelte per il futuro, non solo nella musica che resta comunque una bella metafora del “tutto”.
La buona musica si può fare, non si è mai smesso di farla, e se di qualità, sorprendente e varia, accenderà nuovamente il desiderio di possesso, di ricerca… come per libri, quadri, cose…

Brava Syria!
Bravo “Gino”LaCrus


La Distanza è ascoltabilissima, con morbida cassa in quattro e suoni acustici e loop e rumori che si fondono rimandando al house-jazz-beat francese (St.Germain Des Pres Café Vol. 1-9).
Prenditi Cura Di Me ha uno splendido suono “Zero 7” (Simple Things-2001) e trasforma in pop l’ultimo grande groove AcidJazz di inizio millennio.
Momenti porta davanti agli occhi stupiti, nelle orecchie inaridite, fluida nelle vene l’immediata contemporaneità di un immenso Sergio Endrigo.
In tutti i pezzi si ode il basso (sempre raro nel pop italico) che contrappuna da attore protagonista le melodie, le armonie e i ritmi dell’album.
Tutto il Cd è il grido di rottura, sorridente e soddisfatto, di una “piccola cantante” con una grande anima contro conformismi e convenzioni commerciali.(Commerciale non deve più significare brutto!)
È la rivendicazione di protagonismo della sommersa capacità autoriale della “vera musica pop italiana” viva in piccole band, autori, musicisti troppo spesso dispersi nel web, in piccoli locali di provincia, piccoli festival e piccoli dischi con poca direzione artistica…
Ma pur tra errori e impurità inevitabili, è dall’artigianato che la musica risorgerà.

Cia’
Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pop indie syria musica

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 5/3/2008 alle 17:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


25 febbraio 2008

Sanremo 2008

Sono 58 anni che questa comunque originale manifestazione canora ci “allieta” le sere umide di fine inverno dalla Città dei Fiori.
Sono almeno una 40ina che ci si lamenta della infima qualità dei brani
, della deficitaria e poco realistica rappresentazione della produzione musicale italiana, della ripetitività dei testi, della mancanza di coraggio-creatività degli interpreti, degli autori, dei produttori, dei direttori artistici e i responsabili delle selezioni.
Sono anni che si dice cha la musica italiana è nascosta nelle cantine delle città, nei piccoli locali, nelle piccola etichette indipendenti.
Sono anni che ci si lamenta della scarsità delle vendite, dell’esigua presenza in classifica dei brani sanremesi, dell’ardua lotta contro il download pirata.

Ogni volta che il giornalista-musicologo-autorevole di turno approccia uno dei suddetti argomenti, lo fa con la certezza rassicurante di non essere smentito da nessuno, di avere ragione… ma è quella ragione dei fessi, che non porta a nulla, che non propone, non indaga, non cerca obiettività, critiche e alternative, ma fotografa una situazione e si sterilizza davanti a fatti e dati enunciati con la saccenza del nuovo prezzemolino televisivo-giornalistico… e questo stile si spande, come una epidemia… tutti concordi, tutti rattristati e acidi a cantare il de profundis alla musica “per come la conosciamo”: è l’unico caso in cui la sterilità è… ereditaria!

Si attacca il festival, dunque, si denigra, si sfotte chi ci va, si da per scontato che vi si ascolteranno le 30 canzoni più brutte dell’anno, si ridacchia… Lo Si GUARDA!… E poi tutto si acquieta fino all’anno dopo.

Io penso…

- Il Festival come idea, come manifestazione accentrante interessi sociali, di costume, di consumo e artistici verso la musica è insostituibile, migliorabile infinitamente, utilissimo e prezioso. Ma si dovrebbe farlo progredire lentamente, ma inesorabilmente, verso un crogiuolo di idee musicali, di contaminazioni, di ricerca di nuove strade espressive, come di tradizioni vere della musica italiana, e non più una vetrina di “giri di Do” modello “ricchieppoveripausinitozzi”.
Dovremmo poi riacquisire un minimo di quell’obiettività che, come ci fa relegare in fondo alla graduatoria qualitativa gran parte di quelle composizioni ripetitive, scopiazzate, scimmiottanti maldestramente modelli anglosassoni o mode passeggere, che sovente risuonano dal palco dell’Ariston, così ci dovrebbe far sorridere un po’ più ironici all’esaltazione di una mediocre Pausini fondamentalmente appoggiata da più di un decennio a canzonette con i medesimi difetti, che vince per motivi meramente pubblicitari e marchettari premi come “miglior album latino” con lavori pop senza nessuna caratteristica caraibica, argentina, spagnoleggiante, ma nemmeno spruzzata di saltarello o taranta!!!
Felici per la sua pianificazione di marketing, ma la musica è un’altra cosa!!!
E se invece va bene la Pausini, vanno bene Neck, Tozzi, Tatangelo, D’Alessio ecc… Allora Sanremo è da sempre la vetrina della più bella musica italiana e tutte le chiacchiere, le frecciate dei Fegiz-De Luca-Salvatori di turno sono fuori luogo e fasulle!!!

…E invece…

- Forse è vero che molta parte della genuina produzione musicale italiana è celata dietro rugginose porte rumorose ed instabili di sottoscala di città di provincia, ma sappiamo benissimo quanto quello stesso suono, la crescita artistica dei musicisti, l’affinamento di un prodotto, per essere POP e di successo, come nelle intenzioni del 90% della suddetta produzione, abbia bisogno di influenze esterne, di direzione artistica, di arrangiamenti e di cultura musicale a 360°, tutte cose che spesso mancano proprio ai giovani e volenterosi musicisti. Quindi tornare a cercare talenti veri, guidarli e spendere tempo e conoscenze per farli crescere, ma i giovani dovrebbero manifestare più umiltà e curiosità verso la storia della musica e verso le varie tendenze del futuro: come si può tentare di imitare Lenny Kravitz se non si conosce Steve Wonder, Marvin Gay, Curtis Mayfield, Little Feats… ecc…

- La pirateria è un problema… ma ai miei tempi le cassette andavano via come il pane: uno comprava l’album e poi ce lo registravamo in 200!!! Ma poi, se ci piaceva davvero… NOI VOLEVAMO POSSEDERLO!!! E andavamo a comprarcelo… originale!
Ma "IL PROBLEMA" è che ora si è del tutto perso il valore del possesso di un’opera artistica, unito alla sensazione che “sei uno sfigato se lo compri” e “sei un figo se lo rubi”.
Soprattutto nella musica perché va nell’aria, si diffonde con facilità e più sviliamo la qualità di ciò che suoniamo, più val bene avere 15000 brani in mp3 nelle cuffie senza neanche aver voglia di sapere chi cavolo sia a cantare… ecc…

- Il Festival non fa vendere, dicono, ma nello stagnante stato di creatività strategica delle produzioni e delle Majors, resta una vetrina irrinunciabile per raggiungere in un sol colpo svariati milioni di contatti evidentemente interessati al prodotto… Soprattutto è l’unica vetrina italiana!

…Quindi…

Torniamo a dare importanza alla musica nelle scuole: in America ogni istituto ha un’orchestra fatta da studenti, ha un teatro… In Italia, “la culla della civiltà” ci trasciniamo 2 ore di musica a settimana soltanto nel triennio delle medie con l’obbligo della sufficienza politica a fine anno.
Torniamo a suonare di più: in Italia non solo siamo il popolo che legge di meno, ma anche quello che suona di meno. Intendo gli amatori, gli hobbisti, i dilettanti che non aspirano a farsi insultare dalla De Filippi o a perire di “Lobotomia da Contagio Aerobico” sognando di diventare i nuovi Rolling Stones… ma che suonano per il piacere di farlo. Beh se tutti avessero idea di cosa si prova a suonare, a produrre suoni e armonie, ritmi ed energia, saremmo molto più selettivi ed esigenti verso i nostri artisti professionisti, ma anche molto più rispettosi dell’opera musicale!
Altro errore è stato quello di decadere sempre più verso il Pop per adolescenti… e oggi è praticamente l’unica musica che si ascolta per radio. Una volta sulla stessa emittente potevi sentire Jethro Tull, Fabio Concato, Ramazzotti e Pino Daniele, oggi Rhianna e poi una serie infinita di imitazioni, fino alla prossima icona da imitare. Risultato: piattezza della musica, mancanza di paragoni per i giovani ascoltatori, poca curiosità, poca varietà e allontanamento inesorabile degli ascoltatori di fasce di età maggiori, quelli che oltretutto avrebbero più soldi da spendere in Cd e Concerti.
Allora si torni a rischiare un po’ di novità, a scovare talenti, a spingere musicisti e produttori verso lo studio e la ricerca continua, verso il miglioramento tecnico, interpretativo, produttivo, della confezione e dell’impatto live e… ci scommetto… torneremo a desiderare di possedere il Cd originale, a scaricare le note di copertina insieme al file mp3, per capire e conoscere più da vicino la magia di quei suoni che ci attraggono.
E Poi...
A Sanremo si aggiungano fiere della musica, raduni aperti a stili diversi e contaminazioni... e il Festival stesso si arricchisca di manifestazioni ufficiali che esaltino tutta la produzione annuale italiana, oltre i coraggiosi e nuovi prodotti sul palco dell'Ariston... Si trasformi in un vero "Oscar della Musica Italiana" e in una vetrina internazionale per tutto il nostro miglior prodotto artistico musicale.

Vabbè, intanto mi guardo ‘sto Sanremo e ve lo racconto Senza Filtro.
A Domani!
Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica sanremo 2008

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 25/2/2008 alle 17:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 febbraio 2008

L'ultimo di Lorenzo

Jovanotti
Safari

Primo ascolto
Il pregio-difetto di Jovanotti, quindi inevitabile, pericolosamente sostituibile e quindi non consigliabile, è l’orizzontalità delle melodie, figlia della cultura autodidatta da turista della musica che il vecchio ragazzo si è costruito con passione e misura.
Orizzontalità del tratto di matita che avesse l’ardire di disegnare le canzoni di Lorenzo.
Ma per contro un gran sussulto di guglie, spirali e diagonali dei vari andamenti ritmici dei suoi pezzi, frutto del suo DNA nato dalla fusione melodica tra Rap, Funk,Afro, Brasilian sound, Jazz e Soul!
Quindi poche difficoltà a seguire con le orecchie e l’immaginazione i nuovi sentieri musicali del migliore cantautore che il Pop Italico ha prodotto involontariamente degli ultimi 15 anni; semplice e gustoso costruirsi ognuno il proprio viaggio nel Safari del mondo.
Il Turista della musica si è appassionato ai luoghi visti così tanto da volerne sempre più costruirsene uno proprio, ha aperto quindi un piccolo b&b nei primi anni ’90 accogliendo i primi curiosi o modaioli ospiti con affetto e umiltà…
Ha dato in gestione ad altri quel primo piccolo ostello e ha decisamente costruito una catena di alberghi etnici, metropolitani, tipici che vivono dei luoghi, dei musicisti, dei giochi e le sventure, degli amori e gli impegni, dei problemi e le virtù che i loro habitat propongono-impongono.
Questo parallelismo per giungere a chiarire come con grande misura e capacità Lorenzo possa utilizzare fisarmoniche, sezioni fiati, chitarre distorte, bassi profondi, percussioni e archi, piano elettrico e Steinway, arpa, voci africane, rap americano, il suo morbido e timido canticchiare storie “per esempio”, raggiungendo una semplicità d’ascolto unita ad una grande varietà di arrangiamenti, una grandissimo impatto sonoro (uno dei pochi italiani a reggere il confronto con produzioni anglosassoni e U.S.A.) e in finale una grandissima validità musicale popolare.
Lorenzo è uno di quelli che fa Pop, che cioè sposa la “missione” di portare al popolo storie, armonie, ritmi e melodie altrimenti nascoste in nicchie per pochi “intenditori”.

Preesistenze
Da “Una Tribù che Balla”, disco della svolta più Musicale di Jova dopo i fasti più leggiadri e disimpegnati dei primi album deejaytelevisioniani, fino a “Lorenzo ‘97: L’Albero” (il miglior album italiano di quell’anno, battendo a mio parere anche il musicalissimo Macramè di Fossati), la crescita è stata inarrestabile.
Il cammino si è poi consolidato con “Lorenzo ’99: Capo Horn” (splendido utilizzo di sezione archi e orchestra in anticipo rispetto ai tanti cantanti italiani che di lì a poco sfrutteranno e qualche volta abuseranno delle medesime sonorità), inciampato un pochino in “Quinto Mondo” e il Live che purtroppo seguiva una turnè di minor efficacia di quella de L’Albero (quella si da riprendere live per un progetto discografico).
Poi è tornato a stupire tutti con un progetto strumentale (Roma Collettivo Soleluna) che spero abbia prima o poi un degno seguito, è tornato a mordere con “Buon Sangue” e poi ha riaperto i suoi alberghi suggestivi per i suoi viaggi musicali con questo Safari.

Eqquindi

Belle tutte le ballad, anche se forse sono quelle che un po’ soffrono la similitudine più evidente con passate produzioni.
Ottimo il groove di Safari e Mezzogiorno, i fiati di Tamburini sottolineano energici brani in cui non ti aspetteresti di udire una sezione di ottoni.
Echeggia qua e là jazz e soul nell’approccio strumentale, ci sono programmazione, loop e campioni sonori; ma tutto è ascoltabile e fischiettabile già dal primo approccio.
Credo che Lorenzo sia oramai maturo per proporsi nelle collaborazioni ad artisti come Fossati, Capossela, Segreto, un rinsavito Pino Daniele, ecc… per unire la sua invidiabile capacità comunicativa e artistica a personalità nostre, vive e forti per costruire un gradino solido ove appoggiare il passo verso il futuro che la nostra musica deve decidersi a fare, recuperando con la stessa curiosità di sempre le nostre radici musicali e culturali, nascoste a noi quasi come i canti aborigeni o le ritmiche centrafricane.

Ad Majora!

Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica jovanotti pop viaggi

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 18/2/2008 alle 17:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


24 gennaio 2008

Aspettando SanRemo

Tralascio per strada le traversie che mi hanno lasciato… Per strada!
Risparmio ai vostri occhi le lacrime versate sul latte rovescio delle mattine insonni di magre colazioni.
Rammento appena il viaggio delle mie A.V.M. di qualche tempo fa, le vetuste 5 puntate del Senza Filtro Sanremese, vi invito magari a farci un giro di nostalgico rendez-vous e…
C’è di buono nell’essermi fermato questo inverno a casa, che vi delizierò con l’ironia, il sarcasmo, una spolverata di critica personale e scartavetrate impunite intorno all’imminente festival dei fiori.
Ogni sera posterò un articolo Senza Filtro sulla kermesse musicale, per chi non dovesse avere idea di cosa combinerò, vi rimando a quelli passati.
Nighty


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sanremo musica Senza Filtro

permalink | inviato da Nightfreeqnc il 24/1/2008 alle 22:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


7 gennaio 2008

Per chi suona la Campania?!

Federico Salvatore

Di là, dall'altro me mi inczz muto.

Ciao a tutti

Nighty

sfoglia     aprile        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Film!
Teatro
Corso Animatori
La mia Città
A.genzia V.iaggi M.usicali
Racconti Sconnessi
Senza Filtro
Le Città di Nighty
Coma so' Ffatte?
Frattaglie poetiche
Commedie autografe
Racconti e Frammenti
Riflessi Sabbiati
Disertori
Discoteca LibereFrequenzeNotturne
recensioni

VAI A VEDERE

Nighty su MySpace
Valtur


Google

Note Biografiche dell'essere vivente in questione...

Nighty
 nasce… come tutti!
E sarà proprio questo che gli regalerà quell’eterna espressione di stupore nel non persuadersi che un essere come lui potesse venire al mondo come gli altri esseri umani!
Passerà la prima parte della sua vita nell’abile arte di mimetizzarsi tra gli abitanti del globo terracqueo, annaspando volontariamente tra la mediocrità di studi tecnici e gli approcci poco convincenti con l’università.
Successivamente, con una spiazzante mossa del tutto uguale a quella dei migliori esemplari di homo sapiens (una raccomandazione parentale), conquista un posto in fabbrica come operaio generico.
Non contento della mimetica e insulsa vita fin lì costruitasi, identifica in un altro mestiere l’apoteosi dell’idiozia e contemporaneamente il suo posto perfetto per ingannare qualunque dubbio sulla sua provenienza o presunta intelligenzaL’Animatore Turistico!

Purtroppo l’istinto primordiale di scarabocchiare e far domande su qualunque cosa riempia della sua massa l’atmosfera di questo sconosciuto pianeta, e formulare di tanto in tanto pensieri di senso compiuto su fogli di cellulosa, ancora oggi minano la sua faticata tranquillità.
Si è recentemente prodotto in un libro di racconti e frammenti poetici (Racconti e Frammenti, Montedit 2005), scrive saltuariamente su un Blog (www.nightfreeqnc.ilcannocchiale.it) e continua a far domande e ad impiastrare albe primordiali e intensi tramonti con la sua pedissequa espressione di stupore.
Voci veritiere e confermate dai fatti che lo danno vincitore di un premio letterario col suo primo romanzo “Noiæ (jamme po’ iì!)”(poi trasformato in "Noi (...ae!)" per l'imminente edizione Serarcangeli), acuiscono l’incombenza che prima o poi venga riconosciuto, isolato e reso innocuo per la società.
Nell’attesa del lieto evento le ultime notizie pervenute lo danno eremita in un luogo ameno alle pendici di un monte del “Golfo del Lazio” alle prese col suo secondo romanzo.
Nel frattempo subisce gli effetti delle fobie da letto singolo e degli sbalzi di umore propri della sua natura.

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.
.



CERCA