.
Annunci online

Nightfreeqnc
libere frequenze notturne


Diario


10 dicembre 2004

Il Carretto...

Il carretto gridava... e vendeva di tutto, tranne i gelati...
Inizio di Novembre: lui era il primo di una comitiva di folli diciannovenni a raggiungere la città dell'università. Sapeva dentro di se che ingegneria era solo un modo come un altro per fare un'esperienza, che l'avrebbe portato chissà dove, ma non alla laurea...ma dirlo mai!!! I suoi occhi traspositori, come una sezione di fiati in Si-bemolle, trasformavano Roma nella sua New York anni '50: quella dei suoi sogni in abiti blu...gessati, quella di Parker e Dizzy, quella di "quando due si lasciano piove sempre e quando si baciano passano taxi, esce il fumo dai tombini e la gente guarda sorridente". La mattina a lezione, il pomeriggio a sbobinare lezioni di "FisicaAnalisimatematicaGeometriaeCchimica"... La sera un autobus qualunque e in giro a guardare se in qualche quartiere pioveva o passavano taxi e persone sorridenti... Poi di nuovo a casa: Via dei Marsi 58, seguendo in salita dalla Tiburtina, Via dei Latini, è proprio quel portone grande, vecchio, circondato di citofoni e una volta seguito da tre barbieri, con le stesse insegne...con gli stessi clienti...il primo esempio di clonazione... scala F interno 10.
Ogni settimana tornava a casa a raccontare i suoi primi giorni metropolitani ed alimentava la sua inesauribile voglia di musica "nuova" con vinili "d'epoca": il mercatino dell'università in quegli anni era dentro la città universitaria e c'era un signore baffuto che ne aveva tanti di dischi jazz... il primo fu
"Ascenseur Pour L'Echafaud", Miles Davis... Passeggiando per San Lorenzo, tra i pochi locali e poca gente dell'epoca, scorge una serranda abbassata, decorata completamente in stile molto musicale... si ripropone di passare l'indomani per vedere dietro cosa ci fosse e... raggiunge Roberta: splendida ragazza di Farmacologia che l'aveva riconosciuto uscendo da un ristorante in Via dei Sabelli. Si abbracciano scelgono tra "No New York", "Rive Gauche-2" e "Lancelot"... Propendono per andare a salutare Totò Albanese e vanno verso quest’ ultimo... Ancor oggi ricorda quella ragazza conosciuta per caso andando al cinema con Alessandra, studentessa calabrese: gli comunicò all’ultimo minuto che si sarebbe unita a loro una sua amica, che voleva vedere il film (32 Dicembre di De Crescenzo) e non sapeva con chi andarci. Lui accettò cortese e titubante… e da allora da molta più importanza alle cose fatte "per caso"... Occhi neri, minuta, sorridente, capelli scuri come le castagne dei boschi abruzzesi e altrettanto dolci da annusare; sguardi pungenti e indagatori, senso dell'umorismo; un'eleganza eccitante e magnetica nelle sue gambe e nel modo di muovere le mani e il volto, che al mesto ridisegnar le sue delicate forme nella sua testa, il suo villoso petto immediatamente si chiede perché mai si frenò quella sera che... ma vide troppo tardi il taxi passare, il fumo danzare dal tombino e la gente sorridere!... Giorni dopo era in ritardo per le lezioni, passa davanti a quella serranda... ora aperta; entra e... non andò a lezione quel giorno! In compenso acquistò il secondo vinile della sua storia metropolitana: "Monk In Italy"... Ogni solo di Charlie Rouse, da allora, è per quella "piccola ragazza agro-dolce"; il ruvido smussare gli spigoli delle sue melodie di Thelonious, è proprio come gli sguardi di Roberta contro le sue timidezze e indecisioni... "Dove l'hai preso questo?" Gli domanda Max, risvegliandolo bruscamente. "Ehm!... Disfunzioni Musicali... Via degli etruschi (la pronunciò in minuscolo)...mi sembra".

Ciao a tutti, in particolare... a Roberta (dove sarà? Magari qualcuno ricorda... legge... e mi scrive... Così, tanto per ridere!)
Nighty




permalink | inviato da il 10/12/2004 alle 17:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Film!
Teatro
Corso Animatori
La mia Città
A.genzia V.iaggi M.usicali
Racconti Sconnessi
Senza Filtro
Le Città di Nighty
Coma so' Ffatte?
Frattaglie poetiche
Commedie autografe
Racconti e Frammenti
Riflessi Sabbiati
Disertori
Discoteca LibereFrequenzeNotturne
recensioni

VAI A VEDERE

Nighty su MySpace
Valtur


Google

Note Biografiche dell'essere vivente in questione...

Nighty
 nasce… come tutti!
E sarà proprio questo che gli regalerà quell’eterna espressione di stupore nel non persuadersi che un essere come lui potesse venire al mondo come gli altri esseri umani!
Passerà la prima parte della sua vita nell’abile arte di mimetizzarsi tra gli abitanti del globo terracqueo, annaspando volontariamente tra la mediocrità di studi tecnici e gli approcci poco convincenti con l’università.
Successivamente, con una spiazzante mossa del tutto uguale a quella dei migliori esemplari di homo sapiens (una raccomandazione parentale), conquista un posto in fabbrica come operaio generico.
Non contento della mimetica e insulsa vita fin lì costruitasi, identifica in un altro mestiere l’apoteosi dell’idiozia e contemporaneamente il suo posto perfetto per ingannare qualunque dubbio sulla sua provenienza o presunta intelligenzaL’Animatore Turistico!

Purtroppo l’istinto primordiale di scarabocchiare e far domande su qualunque cosa riempia della sua massa l’atmosfera di questo sconosciuto pianeta, e formulare di tanto in tanto pensieri di senso compiuto su fogli di cellulosa, ancora oggi minano la sua faticata tranquillità.
Si è recentemente prodotto in un libro di racconti e frammenti poetici (Racconti e Frammenti, Montedit 2005), scrive saltuariamente su un Blog (www.nightfreeqnc.ilcannocchiale.it) e continua a far domande e ad impiastrare albe primordiali e intensi tramonti con la sua pedissequa espressione di stupore.
Voci veritiere e confermate dai fatti che lo danno vincitore di un premio letterario col suo primo romanzo “Noiæ (jamme po’ iì!)”(poi trasformato in "Noi (...ae!)" per l'imminente edizione Serarcangeli), acuiscono l’incombenza che prima o poi venga riconosciuto, isolato e reso innocuo per la società.
Nell’attesa del lieto evento le ultime notizie pervenute lo danno eremita in un luogo ameno alle pendici di un monte del “Golfo del Lazio” alle prese col suo secondo romanzo.
Nel frattempo subisce gli effetti delle fobie da letto singolo e degli sbalzi di umore propri della sua natura.

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.
.



CERCA