.
Annunci online

Nightfreeqnc
libere frequenze notturne


Diario


14 dicembre 2004

Anni '70... è un po' che gira ma...

TU CHE SEI NATO PRIMA DEL '70
A ben pensarci, è difficile credere che siamo sopravissuti Da bambini, andavamo in macchina (quelli che avevano la fortuna di averla) senza cinture di sicurezza e senza air bag… E viaggiare nel cassone posteriore di un pick up in un pomeriggio torrido era un regalo speciale.
I flaconi dei medicinali non avevano delle chiusure particolari e noi bevevamo l’acqua dalla canna del giardino, non da una bottiglia… Che orrore!
Ci lanciavamo dalle discese e dimenticavamo di non avere i freni fino a quando non ci sfracellavamo contro un albero o un marciapede, e dopo un sacco di incidenti imparavamo come fare…da soli!!!
Uscivamo da casa al mattino e giocavamo tutto il giorno, i nostri genitori non sapevano esattamente dove eravamo, nonostante ciò sapevano che non eravamo in pericolo.
Ci sbucciavamo le ginocchia, ci rompevamo le ossa o i denti, ma erano solo incidenti: nessuno ne aveva la colpa.
Litigavamo, ci facevamo male, a volte piangevamo, ma passava presto. Quasi sempre senza che i nostri genitori lo venissero a sapere.
Mangiavamo un sacco di dolci, la marmellata con il burro e bevande piene di zucchero…ma nessuno di noi era obeso.
Ci dividevamo una Fanta con altri quattro amici, dalla stessa bottiglia, e nessuno è mai morto a causa dei germi.
Non avevamo la Playstation, né il Nintendo, né i videogiochi. Non c’era il satellite, le videocassette, internet e il PC. Avevamo semplicemente degli amici. Uscivamo da casa e li trovavamo. Andavamo, in bici o a piedi, a casa loro, suonavamo il campanello o entravamo e parlavamo con loro. Figurati: senza chiedere il permesso! Da soli! Nel mondo freddo e crudele!
Ci inventavamo dei giochi con dei bastoni e dei sassi. Giocavamo con le lucertole e altri animaletti e, malgrado le avvertenze dei genitori, nessuno ha mai tolto un occhio a un altro con un ramo e i nostri stomaci non si sono mai riempiti di vermi.
Alcuni studenti non erano intelligenti come gli altri e qualcuno doveva ripetere la seconda elementare, ma non si cambiavano i voti, per nessun motivo.
L’idea che i nostri genitori ci avrebbero difeso se avessimo trasgredito a una legge non ci sfiorava: loro erano SEMPRE dalla parte della legge.
Se ti comportavi male i tuoi genitori ti mettevano in castigo e nessuno li metteva in galera per questo.
Sapevamo che quando i genitori dicevano NO significava proprio NO.
I giocattoli nuovi li ricevevamo a Natale e per il compleanno, non ogni volta che si andava al supermercato.
I nostri genitori ci facevano i regali per amore, non per i sensi di colpa, e le nostre vite non sono state rovinate perché non ci hanno dato tutto quello che volevamo.
Questa generazione ha prodotto molti inventori, amanti del rischio e persone molto creative, negli ultimi 50 anni c’è stata un’esplosione di innovazioni e nuove idee.
Questa generazione ha avuto libertà, responsabilità, successi e insuccessi e ha imparato a gestirli.
Se sei uno di loro, complimenti!
La versione audio letta da Linus
Nighty



permalink | inviato da il 14/12/2004 alle 18:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Film!
Teatro
Corso Animatori
La mia Città
A.genzia V.iaggi M.usicali
Racconti Sconnessi
Senza Filtro
Le Città di Nighty
Coma so' Ffatte?
Frattaglie poetiche
Commedie autografe
Racconti e Frammenti
Riflessi Sabbiati
Disertori
Discoteca LibereFrequenzeNotturne
recensioni

VAI A VEDERE

Nighty su MySpace
Valtur


Google

Note Biografiche dell'essere vivente in questione...

Nighty
 nasce… come tutti!
E sarà proprio questo che gli regalerà quell’eterna espressione di stupore nel non persuadersi che un essere come lui potesse venire al mondo come gli altri esseri umani!
Passerà la prima parte della sua vita nell’abile arte di mimetizzarsi tra gli abitanti del globo terracqueo, annaspando volontariamente tra la mediocrità di studi tecnici e gli approcci poco convincenti con l’università.
Successivamente, con una spiazzante mossa del tutto uguale a quella dei migliori esemplari di homo sapiens (una raccomandazione parentale), conquista un posto in fabbrica come operaio generico.
Non contento della mimetica e insulsa vita fin lì costruitasi, identifica in un altro mestiere l’apoteosi dell’idiozia e contemporaneamente il suo posto perfetto per ingannare qualunque dubbio sulla sua provenienza o presunta intelligenzaL’Animatore Turistico!

Purtroppo l’istinto primordiale di scarabocchiare e far domande su qualunque cosa riempia della sua massa l’atmosfera di questo sconosciuto pianeta, e formulare di tanto in tanto pensieri di senso compiuto su fogli di cellulosa, ancora oggi minano la sua faticata tranquillità.
Si è recentemente prodotto in un libro di racconti e frammenti poetici (Racconti e Frammenti, Montedit 2005), scrive saltuariamente su un Blog (www.nightfreeqnc.ilcannocchiale.it) e continua a far domande e ad impiastrare albe primordiali e intensi tramonti con la sua pedissequa espressione di stupore.
Voci veritiere e confermate dai fatti che lo danno vincitore di un premio letterario col suo primo romanzo “Noiæ (jamme po’ iì!)”(poi trasformato in "Noi (...ae!)" per l'imminente edizione Serarcangeli), acuiscono l’incombenza che prima o poi venga riconosciuto, isolato e reso innocuo per la società.
Nell’attesa del lieto evento le ultime notizie pervenute lo danno eremita in un luogo ameno alle pendici di un monte del “Golfo del Lazio” alle prese col suo secondo romanzo.
Nel frattempo subisce gli effetti delle fobie da letto singolo e degli sbalzi di umore propri della sua natura.

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.
.



CERCA