Blog: http://Nightfreeqnc.ilcannocchiale.it

Carissimi amici!...

Grandissimi amici del web... non posso che ringraziarvi per la partecipazione e... incoraggiarvi a continuare...
Stanno arrivando i vostri detti caratteristici e i "proverbi del nonno"... e caldeggio la partecipazione di tutti coloro... che io non coloro perchè son già variopinti!
Seguitate a postare dialettali saggezze Qui o Qui...

Ora per chiarezza vi traduco i miei:
- "...te' gia i capiji sotto traccia!" (hai la testa pelata...)
- E' bbeje a cava' je ragne dajie buce co' lle mani deji atri! ( si dice a chi non si prende le sue responsabilità... Armiamoci e partite)
- Che se possa resciojie je mijique a chi nen tène ajji amici comme le riliquie! ( che si possa sciogliere l'ombellico a chi non tiene gli amici come le reliquie)
- L'atra notte ajie durmite a cujie sturate! (l'altra notte ho dormito a culo sturato... ho dormito bene... rilassato)
- Ragne, ragne, ragne: tant' m'abbusche e tante me magne! (ognuno ha quel che gli spetta...)
- Ma se lla mitti car'a ssòle, ce fa' le lashtre! (Se la metti contro sole le fai una lastra... si dice di persona eccessivamente magra)
- Triste quije cejjie che s'apposette a Capistreje! ( triste quell'uccello che si posò a Capistrello... parallelo di "Mogli e buoi dei paesi tuoi... rende l'idea dello scherno campanilistico, ma anche della relatività della concezione di "distanza" nel tempo... Capistrello è a 5 Km da Avezzano!)
- je cane addo' nen mocceca ce piscia! ( Il cane dove non morde, orina!... Parallelo della Volpe e l'uva)
- La femmena co' la frègna se guadagna le pane! L'omme co' je cejjie se mòre de fame! ( La donna con la vagina si guadagna da vivere, l'uomo con il pene muore di fame... Antica saggezza popolare!)
- Alle ddu' rajjia j'asene, alle quattre canta je calle, alle se' s'arrizza je cejjie... questo è ll'orologio de Capistreje! (Alle due raglia l'asino, alle quattro canta il gallo, alle sei si erge il membro maschile... questo è l'orologio di Capistrello: altra ironia paesana sulla presunta arretratezza del vicino paesiello)
- Per chiudere una frase che è la testimonianza del cambiamento dei tempi e delle abitudini... forse anche della perita di qualche cosa... anche sorgente di qualche sorriso perchè sinceramente umoristica: in passato il pene del maiale veniva tenuto da conto, dopo la macellazione dell'animale, per ingrassare e mantenere morbidi e impermeabili gli scarponi durante l'inverno... Parallelo marsicano de: Del maiale non si butta via niente...
Ajie porche nen ce sse sprecheva manche je pingiacchie!
- Vulesse murì cinque minuti... Pe' stira' le cosse!
( vorrei morire cinque minuti per allungare le gambe...)

Poi: il mio direttore di alberghi preferito, nonchè amico... ha intenzione di personalizzare le etichette del vino che offre ai suoi ospiti. Sulle stesse vorrebbe inserire una poesia, un aforisma... insomma qualcosa che stimoli in positivo le persone mentre degustano la preziosa bevanda e assaporano i pasti succulenti del suo hotel.
Mi ha postato la seguente, dalla quale partiamo, datemi suggerimenti o alternative, eccola:

Il più bello dei mari è quello che non navigammo
Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto
I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti
E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto
Nazim Hikmet

Aspetto vostre nuove e... prestissimo nuovi appuntamenti con:
- Riflessi Sabbiati
(Nighty's travel to "Racconti e Frammenti")
- A.genzia V.iaggi M.usicali (Nighty's Story of Music)
- Le Città di Nighty
- ecc. ecc.

Vi saluto con una mia:

Aspetto
... ...
Tendo, stiro stoffe, teli e tende di pensieri tesi
... colorati e mobili!
Attendo, disatteso e confuso, docili grida di affettuoso accanimento
... e mi accaloro, freddo e distante!
Non curo malanni della stagione chè tanto poi cambia,
e del mio volto insonne che non cambia mai...
Dipingo su mani vicine, gesti e pensieri variabili, incostanti e affascinanti...
Il mio aspetto
e Aspetto

Ciao Nighty

Pubblicato il 18/1/2005 alle 17.57 nella rubrica Frattaglie poetiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web