Blog: http://Nightfreeqnc.ilcannocchiale.it

Le città di Nighty: Napoli!

La Napoli che ho sempre avuto artigliata alle rughe di esprssione della mia testa, rifletteva fedelmente le armonie, le melodie e i testi sinceri e poetici del vecchio Pino Daniele...(Ora è una star! Mal consigliata da agenti e mercanti, risulta introvabile e irragiungibile anche via internet: il suo sito ufficiale è una pagina ferma al suo tour... i suoi dischi sono in caduta libera per stile e ispirazione, sig!)
In quelle vecchie, ma mai vecchie, canzoni sentivo gli spigoli dei vicoli, l'odore dei panni stesi, il suono delle grida... Il rumore del mare.
Le voci dei Napoletani non compresi nelle tristi cronache nere di giornali e tivvù erano solo nelle canzoni di Pino, nei cari vecchi long plaing anni '80... Cammina Cammina, Alleria, Terra Mia, Napul'è...
La Napoli che mi si presentava davanti agli occhi di bambino, era quella rappresentata da ingordi, onnipresenti, poco eco-educati, inarrestabili vacanzieri nel Parco Nazionale D'Abruzzo... Ma non mi sono mai fidato di quell'immagine... Preferivo quella sussurata da Pino!
Poi... un giorno un amico mi portò a Mergellina... Poi in un giro vorticoso di sensi unici e semafori rossi: li compresi il vero significato di nonsense e demenziale... E fui dentro la città: Castel dell'Ovo, Piazza Plebiscito... e la Gente!
Quella vera però! Quella che si sente tutta figlia e devota a De Filippo e al glorioso teatro Napoletano... che il teatro te lo fa anche solo per ordinare una pizza!
E la pizza! Quella che a chiunque chiedi a Napoli ti dice: "No! Non è qui che la fanno bene... ti ci porto io!"...
Che se sommi quanti ti dicono sta cosa allora... E' proprio qui che la fanno buona!
Quella che solo quando scalpita per l'asfalto di Napoli... Quando inciampa di proverbi, esclamazioni colorite e affabili saluti è di Napoli... fuori di qui diventa un'icona universale... come la Nike!
Quella fantastica, irripetibile... inarrivabile e a volte inevitabile...

...
Ggente 'e Napule
Che s'aggrovija i capille co'e pparole dej'atri
Che ffa soie i pianti e i tonfi dei vicoli
Allucca e scappa areto alle sirene
Chiede sempe 'na cosa nova, 'na cosa in più
Chella gente co 'na mano ancora 'nfilata dint'a terra
L'atra sempe 'n tasca
Che va truvanne "carte e cartuscelle" 'ddo sta scritto che tu si overo!
Chella che prima t'arruba o portafoglio, distrattamente...
E ppo' te dona o' Core!
... e 'na vita intera!
A' ggente e' Napule.
 
(non me ne vogliate... è un omaggio umile... un rispettoso cumulo di parole mutuate dai testi delle canzoni e dal mio dialetto tanto simile... Ciao Napoli)

Napoli da vedere
...E da Rivedere
Napoli a Teatro
Puntate precedenti
Cia' Nighty
<

Pubblicato il 1/2/2005 alle 18.55 nella rubrica Le Città di Nighty.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web